La GoldenGas chiude la stagione 2017 al PalaPanzini con la sconfitta per 54-64 che sancisce il passaggio in semifinale di Napoli. La volontà di allungare la serie si infrange sul ferro che ha respinto le triple senigalliesi (solo 4/28 dalla lunga distanza) con Visnjic e l’ex Barsanti che, come in gara-1, mettono il sigillo su partita e serie. Senigallia esce 0-2 ai quarti non riuscendo così a sovvertire il pronostico che vedeva Napoli grande favorita (25-5 in stagione regolare e già vincente della Coppa Italia), ma lo fa al termine di 80 minuti tra gara-1 e gara-2 in cui ha tenuto testa al quintetto allenato da Ponticiello. L’avvio è di marca napoletana, Senigallia non trova la via del canestro per i primi tre minuti di gara e gli ospiti ne approfittano scappando subito sullo 0-7. Con Maggio e Visnjic sugli scudi per Napoli (8+6 rimbalzi per il serbo nel primo quarto), la reazione biancorossa è firmata prima da Bertoni che si fa trovare pronto sugli scarichi e poi dagli ingressi di Caverni e Fall che ridanno vivacità al quintetto di casa per il 14-18 di fine primo quarto. Maggiotto trova la via del canestro nel secondo quarto e tiene a contatto i suoi, con Caverni e Giampieri che confezionano il vantaggio per i biancorossi (23-22 al 13′) in una partita che sale di tono e ritmo. Ancora Maggiotto, con un gioco da tre punti, e un ispirato Caverni dalla media distanza danno il massimo vantaggio alla GoldenGas (30-25) e infiammano il PalaPanzini. Napoli non si scompone e nel finale di tempo trova con il solito Visnjic e con un Barsanti fino a quel momento un po’ in ombra i canestri che riavvicinano gli ospiti fino al 33-31 senigalliese di metà gara. Come nel primo quarto, la gara riprende con un parziale napoletano di 7-0 per il 38-33 ospite. Senigallia trova il canestro con il solo Gnaccarini, sono suoi i 5 punti che tengono la GoldenGas in scia 38-40 al 25′ e ancora 42-46 al 30′ al termine di un terzo quarto caratterizzato dalle polveri bagnate. Ancora Gnaccarini protagonista in avvio di quarto periodo con la tripla del -1 (45-46), tripla che viene bissata da Pietrini un minuto più tardi e che ridà il vantaggio (48-46) a Senigallia costringendo al time out la panchina ospite. Dopo la sospensione Napoli è cinica e piazza un 7-0 trascinata da Barsanti (22 alla fine, 20 nel secondo tempo) e Nikolic costringendo questa volta al time out coach Valli con Napoli avanti 53-48 al 35′. Caverni si carica la squadra sulle spalle nell’ultimo tentativo di rimonta, ma Barsanti la pensa diversamente e con 8 punti negli ultimi due minuti chiude partita e serie dando il +10 agi ospiti quando manca poco più di un minuto e mezzo dal termine. Rimane il tempo per la giusta e meritata standing ovation che il pubblico biancorosso tributa alla squadra al termine di una stagione che ha visto la GoldenGas fare i conti oltremodo con la sfortuna ma, come in questa serie, non ha mai mollato andando oltre quello che era l’obiettivo iniziale e riuscendo a conquistarsi un posto al sole in questi playoff. Va avanti Napoli, con merito, Senigallia saluta la post season a testa altissima e con grande orgoglio per queste due partite in cui ha tenuto testa ai partenopei. Per questo e per tutto quello che è stato fatto durante l’anno, GRAZIE! SENIGALLIA – NAPOLI 54-64 (14-18, 19-13, 9-15, 12-18) SENIGALLIA: Gnaccarini 12, Maggiotto 8, Giampieri 5, Bertoni 4, Pierantoni 2; Caverni 14, Pietrini 3, Fall 6, Gregorini ne, Angeletti ne. All. Valli NAPOLI: Maggio 7, Barsanti 22, Nikolic 10, Mastroianni, Visnjic 15; Murolo, Ronconi, Matrone 6, Marzaioli 2, Rappoccio ne. All. Ponticiello