Peccato. La Goldengas gioca una gran partita e paga a carissimo prezzo un paio di fischiate che direzionano la partita. Partiti con grande energia, i biancorossi accusano un calo nei periodi centrali per poi riprendersi e arrivare a sfiorare una rimonta che sarebbe stata incredibile.

Parte con le marce altissime la Goldengas nel derby con Recanati. Spinti dalle triple di Tortù e Paparella e da un PalaPanzini caldo e partecipe i biancorossi scappano subito sul 6-2 con una difesa che concede solo tiri dalla distanza agli ospiti. Senigallia prende coraggio, Tortù e Pierantoni bucano la difesa ospite sia da sotto che dalla lunga distanza costruendosi così un importante vantaggio già a metà del primo periodo. 14-5 con panchina ospite costretta al time out. Senigallia si costruisce buone soluzioni da rimbalzo d’attacco e attaccando l’area, Recanati risponde alzando il quintetto con l’ingresso di Pierini al posto di Zampolli, che va a completare un quintetto “oversize” con Fall, Broglia, Guarino e Di Viccaro. La zona di Senigallia viene punita dall’angolo prima da Guarino e poi da Di Viccaro, ma Giacomini e Paparella, sulla sirena, rispondo restituendo le triple e mantenendo il vantaggio biancorosso sul +9. Alla prima sirena è 21-12.

Passa a zona anche Recanati nel secondo periodo che arriva a pareggiare a quota 24 in una partita che si gioca oltre l’arco dei tre punti. Broglia, Pierini e Di Viccaro impattano rispondendo alla tripla di Brighi. Senigallia chiama time out per registrare la difesa e rimettere ordine in attacco. La sospensione dà i suoi frutti con Senigallia che torna avanti grazie all’imbucata di Giacomini. Di Viccaro si carica Recanati sulle spalle e dalla lunetta impatta nuovamente a quota 35 rispondendo ai canestri di Paparella. Guarino dà il primo vantaggio ai gialloblu, che nel frattempo prendono il sopravvento nel pitturato con 10 punti a referto da sotto. Pierantoni pareggia nuovamente dalla lunetta quando manca un minuto all’intervallo ma si va negli spogliatoi con gli ospiti avanti 39-37 grazie al canestro di Ballabio da centro area.

Senigallia ritrova Tortù e Giampieri dopo un lungo periodo in panchina per preservarli dai problemi di falli, ma entrambi commettono molto presto il terzo personale e Recanati, soprattutto con Guarino, è molto brava nello sfruttare questo “handicap” dei biancorossi per provare il primo allungo sul 50-43 di metà terzo periodo.

Torna a trovare la via del canestro con una certa regolarità la Goldengas che non riesce però ad accorciare davvero a causa di un paio di difese non perfette che costano 5 punti in un momento delicato della contesa. Senigallia trova il due su due dalla lunetta di Tortù per rispondere alla tripla di Pierini con le squadre che vanno all’ultimo mini riposo sul 60-54 ospite.

La schiacciata in contropiede di Tortù e la tripla in uscita dai blocchi di Giampieri tornano a scaldare il tifo biancorosso con Senigallia che rimane a -5 prima che un tecnico incomprensibile e non commentabile venga fischiato alla panchina dei biancorossi facendo innervosire il quintetto senigalliese. Subito dopo viene fischiato un altro tecnico, questa volta a Giampieri, per “simulazione”. Le due fischiate regalano possessi aggiuntivi agli ospiti che ringraziano e, con la tripla di Guarino, toccano il 73-60 quando mancano cinque minuti al termine. Giampieri, Tortù e la loro voglia di rivincita tengono Senigallia in partita (73-65 a 4′ dal termine); Paparella e Giacomini con una folle tripla in contropiede accorciano a -4 (71-75) quando mancano due minuti al termine riaccendendo le speranze. Recanati chiama time out ma per vedere un canestro bisogna aspettare un minuto abbondante quando Giacomini fa due su due per il 73-75 a poco più di trenta secondi dal termine. Guarino gestisce il possesso giocando col cronometro e riesce a trovare lo spiraglio per il 77-73. Senigallia rimane a -2 con i liberi di Giampieri a 8 secondi dal termine. Dopo una lunga pausa per problemi col cronometro, Guarino riceve palla e riesce a scappare dai biancorossi che cercano di fare fallo. Il fallo arriva, su Pierini, quando mancano oramai meno di tre secondi. Il capitano degli ospiti mette il primo libero e sbaglia appositamente il secondo per far partire il tempo. La Goldengas non riesce ad arrivare al tiro e gli ospiti espugnano col finale di 78-75 il PalaPanzini.

SENIGALLIA – RECANATI 75-78

(21-12; 16-27; 17-21; 21-18)

SENIGALLIA: Tortù 12, Paparella 16, Giacomini 14, Giampieri 13, Brighi 5, Benedetti, Ricci 2, Angeletti, Bertoni, Figueras, Maiolatesi. All. Foglietti.

RECANATI: Guarino 21, Cuccoli, Fall 9, Pierini 13, Di Viccaro 21, Vidakovic, Gurini, Broglia 9, Pesce, Ballabio 2, Zampolli 3. All. Coen

ARBITRI: D’Orazio, Pietrobon.

PROGRESSIONE: 14-5 (5′), 21-12 (10′); 31-29 (15′), 37-39 (20′); 45-50 (25′), 54-60 (30′); 60-73 (35′), 75-78 (40′)

 

ANDREA PEVERADA