Sfiora solamente l’impresa una Goldengas che esce a testa altissima dalla serie con Salerno e dai playoff.
Sempre in partita, sempre pronti a battagliare punto su punto con i salernitani, i biancorossi cedono solamente nel finale pagando a caro prezzo l’allungo dei padroni di casa che passano dal 69-68 del 35′ al 79-71 del 38′.
Gli applausi finali della trentina di tifosi al seguito sono gli applausi di tutti i tifosi senigalliesi per una squadra che ha regalato al suo pubblico una stagione da ricordare.
Non cambia nulla nel quintetto biancorosso con i soliti Giacomini e Paparella a dividersi i compiti in cabina di regia con Pierantoni, Giampieri e Tortù a completare il quintetto di Foglietti.
I padroni di casa di Salerno rispondono con Cucco, Leggio, Di Prampero, Sanna e Paci sotto le plance.
In un PalaSilvestri che offre un buon colpo d’occhio, i ritmi sono da subito più alti rispetto a Gara2 con Pierantoni a caricare da subito di falli Leggio (2 nel giro di poco meno di tre minuti) e a farsi rispettare nel pitturato per il 7-5 esterno del 3′.
Salerno è però calda nel tiro dalla lunga distanza e ribalta la situazione prima che Pierantoni pareggi  a quota 10 con la tripla frontale al 4′ di gioco.
Sale di tono Paci al quale risponde Tortù, ma è sempre con le triple (5/9 a fine primo quarto) che Salerno mantiene l’incontro sui binari dell’equilibrio (16-16 al 7′) e passa poi avanti (19-16).
4 punti in fila di capitan Pierantoni fermano subito l’allungo dei salernitani e, in un primo quarto senza un momento di tregua, è ancora Pierantoni a ridare il vantaggio ai biancorossi (22-23) prima che Sorrentino trovi la tripla sulla sirena del 25-23 casalingo di fine primo quarto.
Scendono le percentuali realizzative dei padroni di casa e la Goldengas ne approfitta per tornare avanti (27-29) dopo centottanta secondi del secondo periodo ma Paci inizia a mettere il suo marchio sulla gara e, con l’aiuto di Sorrentino, i locali tornano avanti (33-29) al 14′ costringendo al time out un Foglietti che vede anche qualche forzatura di troppo nell’attacco dei suoi. Leggio allunga ulteriormente con un gioco da tre punti ma, nel momento migliore dei “blaugrana” di casa, Senigallia trova un controparziale di 5-0 firmato Giacomini-Paparella che vale il 36-34 del 16′ e questa volta sono i padroni di casa a dover chiamare la sospensione.
La Goldengas insiste, con alterne fortune, nella ricerca dei giochi a due tra il giocatore difeso da Paci e gli esterni nel tentativo di portare il totem salernitano lontano da canestro, ma la situazione rimane pressochè invariata. Al 18′ è 40-36 Salerno.
La parità arriva a quota 40 con Tortù a sfruttare il bonus falli di Salerno e a fare 4 su 4 dalla linea del tiro libero. I campani finiscono però meglio il periodo, con Senigallia che deve fare i conti con gli acciacchi di Gurini e Bertoni, e si va negli spogliatoi sul 46-43.
Inizio di ripresa tutto targato Salerno con Sorrentino e il solito Paci a spingere i padroni di casa nuovamente a +7 (50-43) dopo un minuto e mezzo di gioco.
Giampieri con la tripla dall’angolo allo scadere dei 24 secondi ridà spinta alla manovra della Goldengas che si riporta poi nuovamente a -2 (50-48) con la penetrazione di Paparella.
Sorrentino ritrova la via del canestro pesante e respinge, insieme all’onnipresente Paci, il tentativo di rimonta senigalliese. Quando arriva il canestro in contropiede di Di Prampero il vantaggio salernitano è 57-51 e la panchina biancorossa non può fare altro che fermare la partita con un time out. 6-0 firmato Tortù al rientro dal time out per la nuova parità a quota 57 che fa saltare in piedi il settore ospiti con i tifosi biancorossi giunti a Salerno. Paci rompe nuovamente l’equilibrio sia nelle vesti di realizzatore che di assistman e Salerno scappa nuovamente (62-57 al 28′ e poi ancora 64-60 al 29′). La Goldengas trova la tripla con Ricci, poi il canestro da distanza ravvicinata di Tortù e nell’ultima difesa oscura il canestro ai padroni di casa. Si va così all’ultimo mini riposo sul 64-62 Salerno.
Il pick and roll centrale inizia a dare i suoi frutti in apertura di ultimo quarto con Paparella (a segno in precedenza dalla lunetta per tenere aggrappata al match la Goldengas) a chiamare gli aiuti difensivi e a pescare Ricci dall’angolo per la sua seconda tripla della serata che vale il -1 biancorosso (69-68 a 7′ dal termine). Situazione di stallo con le due squadre che iniziano ad accusare stanchezza. Il tabellone rimane inchiodato sul 69-68 per due minuti abbondanti e nonostante Senigallia riesca comunque a creare buoni tiri non trova la via del canestro. Come una beffa arrivano il canestro in penetrazione di Cucco prima e poi il solito Paci da centro area per il 73-68. Lo stesso Paci si fa però fischiare un fallo antisportivo che permette a Senigallia di rimanere a contatto col 2 su 2 dalla lunetta per Pierantoni per il 73-70. La Goldengas spreca poi il possesso aggiuntivo e Cucco ne approfitta per infilare la tripla del +6 salernitano quando si entra negli ultimi tre minuti di gioco ma quello che più fa male alla Goldengas è la supremazia a rimbalzo e nelle palle contese dei padroni di casa che si regalano extra possessi e possono così gestire il vantaggio che raggiunge il +8 a cento secondi dall’ultima sirena.
Pierantoni con un tiro libero e una tripla tiene accese le speranze biancorosse riportando i suoi a -4 a settanta secondi dal termine.
Sorrentino, dopo il time out casalingo, trova la tripla dell’83-76 a cinquanta secondi dal termine e chiude la contesa con Salerno che arriva a toccare il +10 negli ultimi secondi di gara capitalizzando i viaggi in lunetta dovuti al fallo sistematico dei biancorossi.
La stagione della Goldengas termina qui, sconfitti da Salerno ma con la consapevolezza di aver fatto il massimo.
Cala il sipario su una stagione che in nessun modo verrà intaccata dall’esito di questa gara e di questa serie, una stagione che era e rimane da ricordare.
SALERNO – SENIGALLIA 89-79
(25-23; 21-20; 18-19; 25-17)
SALERNO: Cucco A, Mennella 2, Datuowei, Petrazzuoli 4, Paci 20, Cucco M 17, Sorrentino 19, Di Prampero 13, Leggio 6, Sanna 8. All. Menduto.
SENIGALLIA: Tortù 20, Del Torto, Pierantoni 19, Paparella 12, Giacomini 7, Giampieri 13, Gurini 2, Benedetti, Ricci 6, Angeletti, Bertoni, Maiolatesi. All. Foglietti.
ARBITRI: Guarino e Silvestri.
PROGRESSIONE: 11-12 (5′), 25-23 (10′); 33-29 (15′), 46-43 (20′); 53-49 (25′), 64-62 (30′); 69-68 (35′), 89-79 (40′).
 Andrea Peverada